per l'etica laica, sociale e autodeterminata

Malcostume e volgarità non hanno limiti fra i seguaci di Grillo

03.12.2016 09:03

 

“Bocelli vota Sì: avrà letto la riforma o si fida ciecamente?”.Lo ha scritto Andrea Tosatto, uno degli attivisti più seguiti nel Movimento 5 Stelle, musicista e co-autore dell’inno del movimento che ieri sera ha voluto distinguersi con un post offensivo nei confronti di Andrea Bocelli, colpevole, secondo il grillino, di non votare No al referendum e di essere cieco.Il post sul suo profilo Facebook è delle 21 e 38 d imercoledì sera, prima della rimozione di questo contenuto. Evidentemente qualcuno gli ha fatto notare la cattiveria e il cattivo gusto della “battuta”.La reazione dei social è comunque di indignazione. Laura Coccia, deputata disabile del Pd  ha stigmatizzato il post su twitter. “Ma cos’è una gara? Noi disabili siamo abituati all’ignoranza della gente,ma ultimamente state passando il limite. Sono questi gli argomenti?”. Ma questa è solo la goccia che fa traboccare il vaso di una campagna referendaria dai toni irrispettosi in cui tutto è consentito. Una campagna elettorale scandita da insulti, minacce e accuse di brogli.

 

© 2013 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito web gratisWebnode