per l'etica laica, sociale e autodeterminata

l'uomo sul tavolo operatorio ( da Internazionale 1136 in edicola)

20.01.2016 07:59

Mohammed Nazar è morto  nell'ospedale di Medici Senza Frontiere a
Kunduz in Afghanistan, durante un bombardamento statunitense. Il suo corpo,
braccia e gambe divaricate, giaceva supino sul tavolo operatorio, con una
cannula inserita nel braccio sinistro. L'addome era coperto da un pannello
caduto dal soffitto. Della testa restavano solo le mascelle e la barba. In quel
giorno fra personale e pazienti sono morte 42 persone. Questa è una delle tante
guerre in atto. Come possiamo continuare a vivere tranquillamente la nostra
vita quotidiana ?  Siamo in tempo di pace o di guerra ?


© 2013 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito internet gratisWebnode