per l'etica laica, sociale e autodeterminata

L’arte italiana incanta anche i divi di Hollywood.

12.10.2016 13:22

 

La produzione del film’Inferno’  ha prenotato il Museo del Duomo - che custodisce i capolavori della scultura e della pittura della Cattedrale di Santa Maria del Fiore, da Arnolfo di Cambio a Donatello - per ospitare una settantina di ospiti vip e  festeggiare l'anteprima di "Inferno". Un grande tavolo di cristallo è stato allestito nella Sala del Paradiso, al piano terreno, dove è stata ricostruita la facciata medievale del Duomo e dove sono presenti le porte originali del Battistero di San Giovanni. Hanks con tutto il cast del film in prima mondiale proiettato ieri sera a Firenze, si è recato al Museo dell'Opera del Duomo di Firenze per la cena di gala. Ma prima di mettersi seduto a tavola, la star di Hollywood ha chiesto a una guida di poter avere spiegazioni sulla "magnificenza" della Porta del Paradiso. Una meraviglia, uno splendore, mai visto niente del genere": così si è espresso l'attore Premio Oscar Tom Hanks estasiato davanti alla Porta del Paradiso, capolavoro dell'oreficeria fiorentina rinascimentale, opera di Lorenzo Ghiberti, eseguita tra il 1425 e il 1452. Per l'occasione è stata studiata anche una particolare illuminazione: una luce color ambrato per le pareti e una luce blu elettrico per il tavolo in cristallo, addobbato con candelieri e bicchieri sempre in cristallo. Il marketing della cultura e dell’arte si fa anche  così, facendone dopo una campagna pubblicitaria, In Italia abbiamo anche altro da pubblicizzare, oltre al tonno del simpatico Kevin Costner. Dario Franceschini, pensaci.

 

© 2013 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito web gratisWebnode