per l'etica laica, sociale e autodeterminata

In parapendio dalla Russia all’Inghilterra per difendere i cigni di Bewick

20.12.2016 09:09

 

Professione: cigno umano. La biologa e ambientalista quarantunenne Sacha Dench ha volato per oltre 7.000 chilometri – e dieci settimane - su un traballante parapendio a motore dalla tundra artica della Russia fino al Gloucestershire inglese, attraversando le foreste della Lituania e i campi in Polonia e Germania, a una velocità media di 55 km orari e altezze comprese tra i 50 e i 200 metri dal suolo. L’avventurosa missione terminata nei giorni scorsi – che ha portato la Dench ad essere anche la prima donna a traversare la Manica su un velivolo di quel tipo – segue lo stesso itinerario che una specie animale, i cigni di Bewick, percorre nello stesso periodo dell’anno. E lo scopo dell’animalista volante è proprio quello di sensibilizzare l’opinione pubblica internazionale sul calo nella popolazione mondiale di questi uccelli. Le cause di rischio sono la caccia di frodo, ma anche la trasformazione delle zone umide in terre agricole e gli incontri fatali dei cigni con le linee elettriche. Negli ultimi trent’anni la popolazione dei cigni di Bewick è calata del 40%: oggi ne rimangono meno di 18.000. Siccome le cause sono diverse, e richiedono la collaborazione dei diversi Paesi attraversati dalla migrazione, ho pensato che solo un’azione a forte impatto mediatico potesse avere qualche effetto».l’idea di questa missione è nata due anni fa, studiando come biologa la rotta dei cigni e il loro drammatico declino, ho pensato che la cosa migliore che si potesse fare per loro fosse sensibilizzare le comunità locali, in modo da ridurre le fucilate che decimano questa specie protetta, e capire insieme alle autorità energetiche e di protezione ambientale quali accorgimenti si possono prendere per evitarne la morìa sui cavi elettrici. A darmi retta è stato il Wildfowl and Wetlands Trust inglese, che ha supportato la missione».

 

© 2013 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito internet gratisWebnode