per l'etica laica, sociale e autodeterminata

Ciò che la Tv pubblica non deve fare

20.05.2016 07:32

,

Uno degli ospiti della trasmissione Virus su Raidue era il padre di un bambino autistico, un imprenditore, che ha affermato che l’autismo di suo figlio dipende dai vaccini. Pur rispettando il dolore di questo genitore, quello che ha detto è semplicemente falso. La parola è quindi passata, per lungo tempo, ad un DJ inpensione , Red Ronnie. Costui si è prodotto in uno sproloquio senza senso, mescolando vaccini, terapia Stamina, morti bianche , l’inefficacia del vaccino contro il vaiolo pericolosità del mercurio (che non c’è più nei vaccini), concludendo con l’affermazione che uno stile di vita sano, insieme all’allattamento materno, prevenisce  le malattie. Tra le altre cose, false e pericolose, Red Ronnie ha detto che la polio fu debellata prima del vaccino, e ha persino contestato le vaccinazioni contro il tetano dicendo che i bambini mica lavorano la terra. Il tetano, se lo prendi, è una malattia terribile, grazie all’introduzione del vaccino obbligatorio il numero di casi è precipitato. Il problema non è Red Ronnie di per sé, ma chi ha deciso di invitarlo in una trasmissione per parlare di vaccini. Il problema è pensare che la scienza sia democratica, che per parlare di un argomento scientifico ci debba essere per forza il contraddittorio. Ecco, no. La scienza si basa su fatti, su dati e su esperienze ripetibili nel tempo, le opinioni non c’entrano niente. Se spieghi che è la Terra a girare intorno al Sole, non devi dare spazio a quello che è ancora convinto che sia il Sole a girare intorno al nostro pianeta. Per fortuna Virus è stata sospesa. Un segnale di cambiamento per la RAI.

 

© 2013 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito internet gratisWebnode