per l'etica laica, sociale e autodeterminata

Chi bombarda gli ospedali di Medici senza frontiere in Siria ?

16.02.2016 08:51

L’ONU ha annunciato che è di quasi 50 civili uccisi il bilancio dei raid missilistici di ieri nel nord della Siria. Sono stati distrutti due ospedali di Medici Senza Frontiere ad Azaz e Maaret al Numan nei pressi della frontiera fra Siria e Turchia. Il regime turco di Erdogan accusa i russi dei bombardamenti, ma lo stesso governo turco ha ammesso che l'artiglieria turca sta bombardando da 3 giorni postazioni curde nel nord della Siria. L’intera regione di Aleppo è diventata oggetto di massacri da parte sia delle truppe del regime di Assad che di quelle dell’Isis, dei bombardamenti dei turchi da un lato e dei russi dall’altro. Abbiamo visto in TV qualche mese fa l’eroica riconquista di Kobane da parte dei peshmerga curdi contro le truppe del califfato. L’opinione pubblica si è emozionata ma, di fatto, i curdi sono stati lasciati soli. Ora popolazioni inermi muoiono di fame nelle città assediate dalle truppe di Assad, colonne di profughi si ammassano alla frontiera turca , attualmente sbarrata. All’origine di questa situazione drammatica la rivolta popolare scoppiata nel Kurdistan occidentale (Kurdistana Rojava) contro il regime siriano di Assad . Ma il governo turco si oppone con forza all’ipotesi di un Kurdistan siriano, che al pari del Kurdistan iracheno costituirebbe un polo di attrazione per la costituzione di un Kurdistan turco. La premessa per un futuro Kurdistan che riunirebbe tutte le minoranze turche, attualmente disperse fra Turchia, Siria, Iraq e Iran. 

© 2013 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito internet gratisWebnode