per l'etica laica, sociale e autodeterminata

25 Quanti sono e chi sono i giocatori d’azzardo

04.02.2018 22:40

Sono 17 milioni gli italiani che hanno giocato almeno una volta (fonte: Cnr) e 2,5 milioni i giocatori abituali e, dunque, a rischio dipendenza (anche se appena 12 mila, soprattutto giovani,  sono in cura presso le Asl. L’azzardo premia una minoranza e fa pagare il conto alla maggioranza. Non solo: quando perdi, giochi ancora per recuperare i soldi. Quello che vinci, lo rigiochi per lo stesso motivo. È un circolo vizioso. Il gioco d’azzardo ha raggiunto un costo sociale difficile da sostenere, configurandosi come una vera e propria dipendenza.

L’azzardo è l’eroina del terzo millennio. Perché tante persone ci inciampano? Primo, l’offerta di azzardo è ovunque, dai bar alle tabaccherie, in tutti gli spazi d’aggregazione. Secondo, sei invogliato dalla retorica, come quella del Gratta e Vinci, e dal ricordo di una vincita. Terzo, sei indotto dall’ambiente che ti circonda. Il 25% degli adolescenti italiani ha un familiare che pratica il gioco d’azzardo. E il 58% dei giovani ne ha avuto esperienza».

Uno psicologo della Casa del Giovane, comunità che accoglie ragazzi e adulti con problemi di dipendenza, tra cui quella del gioco riferisce «La maggior parte delle persone che vengono da noi era benestante: aveva soldi e li ha giocati. Commercianti, dirigenti, e, soprattutto giovani con una famiglia agiata alle spalle o che lavorano continuando a vivere in famiglia. Ovviamente c’è anche una fascia media e

ci sono i pensionati. Più soldi hai, più rischi di investire o giocare grandi somme; ma chi ha 1.000 euro di pensione gioca quei 1.000 euro».  

            La dipendenza dal gioco prescinde dunque dalla quantità di denaro disponibile

© 2013 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito web gratisWebnode